Torino: non è Beppe Grillo il mandante di questo PS/diffida…è un quotidiano!!!


Questa sera sono rimasto scandalizzato da una diffida inviata da un famoso quotidiano ad una attivista del MoVimento 5 stelle di Torino.

Eleonora B. ogni giorno fa un lavoro di informazione su profili e gruppi di discussione di simpatizzanti e cittadini a 5 stelle, proprio per informare e fare una rassegna stampa, suddivisa anche per comune, se di interesse territoriale. Io reputo questo servizio, oltretutto volontario, una risorsa e un contributo di attivismo non da poco, perchè da mesi accogliamo con piacere la sua rassegna. Ecco la diffida con i riferimenti coperti.

Ora, leggendo la diffida, si capisce sicuramente che il quotidiano preserva i diritti d’autore (che secondo noi dovrebbero essere eliminati) ma soprattutto lamenta che la testata non sia citata. Direi che potrebbe essere una richiesta lecita perchè almeno chi legge potrebbe avere anche bisogno di sapere la fonte, soprattutto per dimostrare accordo o dissenso con il giornalista o la testata che ha pubblicato l’articolo. Fino a qui, a parte i diritti d’autore, la richiesta potrebbe essere accettabile no?

Mi aspettavo un invito del quotidiano a pubblicare queste informazioni. Ma cosa fa il quotidiano?

Chiede ad Eleonora B. di cancellare tutti gli articoli che ha pubblicato dalla sua cartella e ciliegina sulla torta DIFFIDA ad eventuali pubblicazioni senza l’autorizzazione del quotidiano. Invece di ringraziare che diffondiamo l’informazione ci troviamo in un paradosso legato ai diritti d’autore.

Ho intervistato la destinataria di questa diffida (che ringrazio) e che dice: “A parte lo sbigottimento iniziale, abbastanza sul surreale, non potevo immaginare di avere così tanta notorietà da attirare la loro attenzione, a questo punto non so se essere più lusingata o amareggiata.
Secondo me l’informazione è sacra, ed è per questo che ho iniziato a condividere le notizie dei quotidiani e soprattutto questo perchè è il quotidiano principale di Torino, la mia città. Ma a questo punto non credo che siano ben disposti ad accettare una mia richiesta di autorizzazione a condividere i loro articoli, visti i toni usati nella lettera.”

Magari il quotidiano ha frainteso e pensa che Eleonora B. faccia la giornalista usando gli articoli altrui, ma così non è, e lo sanno tutti. E’ una rassegna. Qualche avvocato potrebbe confermare che si può diffidare anche per questo motivo e richiedere autorizzazione per pubblicare nuovamente, soprattutto perchè il giornale è mantenuto anche da noi cittadini con l’acquisto in edicola o abbonamenti on line? Ecco quanto hanno venduto i maggiori quotidiani negli ultimi 2 anni.

Dalle mie ricerche veloci pare che questo quotidiano non riceva contributi o finanziamenti pubblici diretti...fatemi sapere se invece mi sbaglio.

Ecco la lista di chi riceve invece questi contributi: http://www.wallstreetitalia.com/article/1403175/media-politica/stampa-come-cambiano-i-contributi-pubblici-all-editoria.aspx

Sarà per caso che il MoVimento 5 stelle voglia proporre la riconversione di una famosa azienda automobilistica torinese, la causa di questo PS ad personam? Oppure proprio l’eliminazione dei copyright e diritti di autore? Infatti nel programma del M5S esiste un punto che dice “Abolizione della legge Urbani sul copyright”.

Sarà per caso che il quotidiano tende a far percepire che queste pubblicazioni ”abusive” siano il motivo per cui non vende più copie?

Sarà che magari il quotidiano ha pubblicato articoli relativi a questioni piemontesi che sono stati oggetto di polemiche da parte di attivisti e da chi ha vissuto le situazioni mal raccontate? 

Ognuno si faccia la sua riflessione. Sicuramente Eleonora B. da domani non si potrà più candidare con una lista civica riferibile ai padroni del quotidiano, visto che ha ricevuto il PS. Ma non era solo Beppe Grillo che faceva queste cose? Ma se per caso il quotidiano si accorgesse che qualche militante di partito facesse la stessa cosa, lo diffiderebbe? 

Ad oggi non risultano diffide di mia conoscenza, eppure ogni giorno Facebook e Twitter sono zeppi di articoli di giornale o estratti, condivisi e commentati, scannerizzati o fotografati. Loro non vogliono il bavaglio all’informazione e quindi si rivalgono su chi la fa veramente?

Annunci

Pubblicato il 8 novembre 2012, in Attivisti, Censura, Diffida, Interviste, MoVimento 5 stelle, Pensieri e politica, Torino con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Iscriviti e commenta se vuoi lasciare un contributo :-)

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: